Annona o Cherimoya

Questo particolarissimo frutto esotico è originario dell’America latina, precisamente negli altopiani andini di Bolivia, Colombia, Perù ed Ecuador, ma si trova anche in Cile e risalendo su per il continente anche in California e Florida. Lo ritroviamo anche nell’Africa meridionale, oltre che in vari Paesi del Mediterraneo, Italia compresa come s’è visto, dove fece la sua prima comparsa addirittura nel 1797.

Dal punto di vista scientifico, l’annona appartiene alla famiglia delle Annonaceae. Nei Paesi da cui proviene è conosciuta come chirimuya: di qui la traslitterazione italiana come cirimoia; Annona deriva invece dal nome che a questo frutto diedero gli anglosassoni .

ANNONA MURICATA
ANNONA MURICATA

A causa della sua distribuzione, ha acquisito nomi poco colloquiali, e la maggior parte sono solo variazioni locali nell’ortografia . In Venezuela, si chiama chirimorrinon ; in Brasile, graveola, graviola o grabiola ;  in Messico, vaiolo o poox ; in Belize, tukib ; in El Salvador è talvolta noto come anona poshte ; e altrove semplicemente come anona , oanona blanca . In Francia, è un altro ; ad Haiti, cachiman la Chine . I nomi indiani in Guatemala includono pac, pap, tsum e tzumux . In Australia viene spesso applicata all’atemoya (un ibrido di cherubino-zucchero di mele).

In Perù, i cherimoyas sono classificati secondo il grado di irregolarità superficiale, come:

 “Lisa” , quasi liscia;

 “Impresa” , con depressioni “impronte digitali”; 

‘Umbonada’ , con protrusioni arrotondate;

 ‘Papilonado’ , o ‘Tetilado’ , con protuberanze carnose simili a capezzoli;

 “Tuberculada” , con sporgenze coniche con punte di verruca.

Le principali cultivar commerciali in Spagna sono “Pinchua” (dalla pelle sottile) e “Baste” (dalla pelle spessa).

Frutti duri devono essere mantenuti a una temperatura di 10 ° C per ritardare l’addolcimento. Quando vengono trasferiti a temperatura ambiente normale, diventano morbidi e pronti da mangiare in 3 o 4 giorni. Quindi possono essere tenuti refrigerati nel frigorifero di casa se non per essere consumati immediatamente. 

In Bolivia, i frutti per uso domestico sono avvolti in un panno di lana appena raccolto e conservato a temperatura ambiente in modo che possano essere consumati 3 giorni dopo.

Una caratteristica distintiva e peculiare dell’annona è che il frutto è attaccato alla pianta non da un peduncolo, ma da un vero e proprio ramo. Nelle aree italiane in cui cresce, di solito matura in autunno.

Attualmente nel nostro Paese l’annona viene coltivata in Calabria. Alcune delle varietà più diffuse hanno anche ottenuto la cosiddetta “Denominazione comunale di origine”, come la “Annona di Reggio”.

La pianta è generalmente alta meno di due metri e fiorisce nel periodo da maggio ad agosto. Ne esistono differenti varietà, tra le quali la più diffusa è la cherimola, che si distingue per un frutto di colore verde e squamoso: la polpa è di colore bianco e contiene molti semi neri.

annona
Annona frutto

 I semi, come quelli di altre specie Annona , sono schiacciati e utilizzati come insetticida. . I semi contengono diversi alcaloidi: la caffeina, (+) -reticuline, (-) – anonaina, liriodenina e lanuginosina. E a contatto prolungato con gli occhi potrebbe portare a cecità.

Le proprietà dell’annona sono molteplici, si tratta di un frutto che contiene potassio, calcio, vitamine del gruppo B, vitamina C, piridossina, niacina e moltissimi composti antiossidanti che si ritiene possano avere un’efficacia anti-cancro e anti-malaria.

La polpa del cherimoya maturo è più comunemente mangiata fuori mano o scavata con un cucchiaio dal frutto aperto tagliato. Non ha davvero bisogno di abbellimenti, ma alcune persone in Messico amano aggiungere qualche goccia di succo di lime. Questo frutto ha un gusto come una miscela di fragola, banana, cocco e mango. Occasionalmente è seminato e aggiunto a macedonie o utilizzato per fare sorbetto o gelato. Colombiani filtrare il succo, aggiungere una fetta di limone e diluire con acqua ghiacciata per fare una bevanda rinfrescante. Il frutto è stato fermentato per produrre una bevanda alcolica.

In Giamaica, i fiori essiccati sono stati usati come aroma per il tabacco da fiuto.

 In Messico, le popolazioni rurali tostano, sbucciano e polverizzano 1 o 2 semi e prendono la polvere con acqua o latte come un potente emetico e catartico. Mescolato con grasso, la polvere viene utilizzata per uccidere i pidocchi e viene applicata sui disturbi della pelle parassitaria. Un decotto della pelle del frutto è preso per alleviare la polmonite.

Inserisci un commento

Name
E-mail

due × uno =

Commento